Psicologia e alimentazione

Cibo e psicologia.

Come emozioni, cultura e società influenzano le nostre scelte alimentari.

Come mai il cibo è così importante nella nostra vita?

Mangiare non è solo nutrirsi fisicamente, ma è anche un nutrire aspetti “altri”. Il cibo dipende da aspetti sociali, culturali, economici, emotivi, familiari e anche dalle pressioni pubblicitarie. A tutto questo si aggiunge una nostra componente neurobiologica innata.

Quali sono i meccanismi?

Da un punto di vista evolutivo la nostra sopravvivenza dipende da alcuni comportamenti: ad esempio, il cibo ed il sesso garantiscono la sopravvivenza sia dell’individuo, sia della specie. Per assicurare questo nel nostro cervello si sono sviluppate alcune aree, le cosiddette “aree del piacere”, in particolare il locus coeruleus ed il nucleus accumbens, che sono ricche di recettori che vengono stimolati ogni volta che mangiamo qualcosa di particolarmente gustoso o ogni volta che abbiamo un rapporto sessuale. Queste aree, un volta stimolate, producono alcuni neurotrasmettitori (ad esempio la dopamina o l’acetilcolina) che creano una sensazione di piacere e benessere.

Su queste aree agiscono anche alcune sostanze psicoattive come le droghe e l’alcol.

A tutti capita di avere voglia di dolci. Perché?

A parte i bisogni organici (il nostro corpo spesso chiede ciò che manca per ristabilire un equilibrio biochimico) il dolce in particolare (ma anche il salato ed i grassi) va a stimolare le nostre aree del piacere ed i nostri circuiti della gratificazione di cui abbiamo appena parlato.

Dobbiamo poi considerare che alcuni alimenti vengono “costruiti” e studiati proprio per avere un’associazione di elementi chimici di origine naturale la cui compresenza crea una sensazione davvero potente, non solo a livello di palato, ma proprio a livello di recettori neurologici.

Come la pubblicità condiziona le nostre scelte per il cibo?

Certamente non punta al nostro “bisogno di mangiare”. Se guardiamo in modo critico e analizziamo la costruzione dei messaggi pubblicitari, possiamo notare che fanno leva su alcuni nostri bisogni psicologici: la famiglia perfetta, la donna che mangia la pasta ed è bella, magra, ricca e felice, giovani che mangiano in un contesto di felicità, condivisione, spensieratezza, libertà; ci sono poi promozioni pubblicitarie di note bevande (zuccherate o alcoliche) che, addirittura, spingono a pensare che una certa bevanda “ti mette le ali”! In questo caso la linea di confine tra lecito ed illecito, alterazione dello stato di coscienza ed evasione dalla realtà, è tanto sottile quanto esplicita.

I Disturbi del Comportamento Alimentare, oggi sono molto frequenti, cosa fare?

Anoressia, bulimia, disturbo da alimentazione incontrollata (binge eating disorder) sono i principali e originano da molteplici fattori, i principali sono di tipo psicologico. Anche le pressioni sociali e l’immagine ideale di un femminile assolutamente irrealistico con cui ci confrontiamo quotidianamente creano, in persone fragili o in un momento di maggiore fragilità, un’espressione di un forte disagio che esprime attraverso il cibo.

Quando si identifica la presenza di questo problema è necessario intervenire immediatamente per evitare la cronicizzazione; l’intervento migliore è quello che prevede un’azione congiunta da parte di più professionisti. Chiedere al proprio medico di base e fare riferimento alla ASL locale sono certamente i primi passi da muovere.

E le diete?

Pullulano diete che spesso sono sconsiderate; ci troviamo davanti a consigli e diete incredibili che, in teoria, dovrebbero portare a risultati quasi magici, ma, in pratica, creano scompensi e danni incredibili.

Se si vuole fare una dieta, è bene appoggiarsi sempre ad un dietologo, una dietista o un nutrizionista, professionisti che sono in grado di dare indicazioni competenti e di seguire, accompagnare e dare indicazioni competenti. In ogni caso, quando le diete sono incessanti, altalenanti, sempre presenti nella mente e l’immagine di sé è inadeguata, il consiglio è quello di approfondire il perché con uno psicologo.

Dott.sa Antonella Fornaro – Psicologa, Psicoterapeuta

Annunci

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: